22
Lug
2011

Made in Italy – Intervista su Lo Spazio Bianco

Quest’intervista, condotta da Alessandro Ciasca, è stata pubblicata per la prima volta su Lo Spazio Bianco il 21/07/2011. Per maggiori informazioni su Made in Italy, clicca qui.

Con il fumetto “Made in Italy – L’Infame” è iniziata una collaborazione con la MeLeto Software, che renderà presto disponibili i vostri fumetti sull’App Store per l’iPad. Da cosa nasce questa scelta e cosa pensate di questa nuova veste digitale del fumetto?
Massimo Spiga
: Made In Italy è sempre stato un fumetto digitale. Fin dal concepimento, è rimasto un mucchio di elettroni impazziti che rimbalzavano tra i circuiti di un computer. E’ stato pubblicato per la prima volta dalla (pionieristica, in molti sensi) Hybris Comics, nel 2006, in formato PDF. Ora torna più bello, più ricco ed è proposto per una piattaforma che si adatta bene alla lettura di fumetti. Penso siano questi fatti ad aver spinto la MeLeto a contattarci. Il risultato mi sembra ottimo: al contrario delle pubblicazioni cartacee, i tablet offrono l’opportunità di mostrare i fumetti esattamente come gli artisti li hanno concepiti. Ormai sono in pochi a lavorare con carta e matita. Gran parte della produzione artistica, in generale, avviene su uno schermo. Ora i lettori potranno vedere le tavole nella loro forma “pura” e ideale, senza la mediazione di un foglio di carta. Platone ne sarebbe orgoglioso.

Perché questa scelta ancora più radicale della ripubblicazione? E quanto ha cambiato il modo di pensare alla storia e alla sceneggiatura?
MS
: Dal mio punto di vista, il fumetto elettronico è da considerarsi un media separato rispetto a quello cartaceo. Col tempo troverà un suo specifico tecnico e narrativo. Per ora ha trovato una voce, ma non un’anima. Sono stati fatti soltanto tentativi (piuttosto “conservatori” e cauti) di trasporre una storia a fumetti in modo che sia fruibile su uno schermo. In questo senso, Made in Italy non è una sperimentazione spericolata e non sfrutta tutte le potenzialità del mezzo. E’ un anello di congiunzione tra il vecchio Topolino ingiallito che hai in cantina ed il Turbo-Fumetto del Futuro, ipercinetico e multidimensionale, che vediamo all’orizzonte. Per questo è stato prodotto in maniera analoga ai suoi fratelli di carta, senza pesanti influenze dovute alla sua forma elettronica.

Avete già dei primi riscontri della vendita digitale di Made in Italy? Inoltre, questo fumetto e i prossimi, saranno in uscita solo per iPad o anche per altri Tablet?
MS
: Made in Italy ha esordito al secondo posto nella classifica delle nuove applicazioni della sezione Libri. Poi è migrato tra le applicazioni “Nuove e Consigliate” dalla Apple. Al momento, è settimo tra i libri più venduti nell’App Store, parecchie posizioni sopra l’unico titolo che riconosco, cioè Diabolik. L’App Store è ancora un mercato elitario in Italia, certo, ma il risultato è positivo. Spero che la MeLeto produca al più presto un Made in Italy per gli altri tablet (ed anche una per il vostro cellulare, computer, lavatrice e frigorifero, se è per questo). Credo sia una questione di tempo, dovuta ad ostacoli tecnici più che a una mancanza di attenzione. Non abbiamo alle spalle una grossa organizzazione: siamo un mucchio di visionari dall’aria sospetta che parla in strane lingue nel deserto. Ci sono avvoltoi sopra le nostre teste. Ma non abbiamo timore. Noi ci nutriamo di avvoltoi.

Le grandi case sembrano ancora titubanti sulla scelta del fumetto digitale e molti appassionati lettori asseriscono che la bellezza del cartaceo non potrà mai essere rimpiazzata. Pensate che il digitale possa essere una opportunità, una sorta di nuovo corso per la storia della nona arte, oppure credete anche voi che ci sia ancora bisogno di muoversi coi piedi di piombo?!
MS
: Non sarà di certo un “nuovo corso”. Se il fumetto è un albero che cresce, quello elettronico sarà un nuovo ramo che si svilupperà per i fatti suoi. E’ vero che la bellezza del cartaceo non può essere rimpiazzata, ma è assurdo pensare che il fumetto elettronico voglia farlo. L’obiettivo è aumentare e differenziare la quota globale di bellezza, non usurpare il trono delle pubblicazioni tradizionali. La carta e gli schermi possono procedere in parallelo. Le grosse case editrici ci arriveranno un passo alla volta. Sarebbe folle gettarsi a peso morto in una forma di fruizione del fumetto che non ha ancora una forma definita ed un pubblico consolidato. Se il mercato del fumetto elettronico non prendesse piede, io e Francesco rischieremmo di aver perso un po’ di tempo e sprecato qualche incazzatura, mentre un mammut come la Bonelli rischierebbe di far perdere il posto di lavoro a svariate decine persone.

Si fa tanto parlare ultimamente del ruolo dell’editore oggi, non sempre all’altezza dei bisogni di autori e lettori: questa è una terza via rispetto all’editoria e all’autoproduzione?
MS
: Non saprei. Seppur eccentrico rispetto agli editori tradizionali, il CEO della MeLeto è pur sempre un editore e svolge tutte le funzioni classiche di questo ruolo. Se parliamo specificamente del fumetto su tablet, c’è una forte “selezione all’ingresso”. Non tutti sanno programmare un applicazione per cellulare. Chi non lo sa fare, deve proporsi ad un editore, seppur un editore più cyberpunk della norma, e seguire il solito iter. E’ anche vero che gli autori di fumetto ed i lettori che si dedicano alle pubblicazioni di questo tipo sono per ora pochi, quindi la scena è meno affollata di quella cartacea. Io la considero una frangia lunatica dell’editoria, più che di una forma nobilitata di autoproduzione.

Parlando ora dettagliatamente del vostro fumetto, le prime pagine sono ciniche, molto schiette e proseguendo nella narrazione la storia diviene sempre più realistica e cruda. Come succede per “Backstage”, raccontate una realtà che sembra gridare quasi alla rivoluzione (all’anarchia?), allo spogliarsi definitivamente di questo falso perbenismo dilagante; questo sembra essere il vostro marchio di fabbrica, state cercando di comunicare una riluttanza verso questa realtà e di questa attualità?
MS
: L’unica anarchia che Made in Italy propone è quella del neo-feudalesimo mafioso verso cui l’Italia si sta dirigendo a grandi falcate. Quella trattata nella graphic novel è una storia che, in maniera stilizzata, cerca di fotografare quale influenza abbia avuto questa classe dirigente sulla visione del mondo propria dei ragazzi cresciuti negli anni zero. Secondo noi, è quella che viene splendidamente raffigurata in Gomorra. Io la chiamo Turbocapitalismo Mannaro. Viviamo un una società in cui l’ingiustizia, l’ignoranza e la povertà si saldano in un unico motore mafiogeno che fa a brandelli i legami sociali.
Le vittime più colpite sono i più giovani.
Si ha una visione caricaturale di questo fenomeno.
Si pensa ai “bamboccioni”.
Per avere una moralità ed un senso dello stato bisogna poterseli permettere. Quando si esaurirà l’ammortizzatore sociale non ufficiale per eccellenza, cioè i risparmi delle famiglie, cosa rimarrà ai precari di oggi? Si lasceranno morire di fame in serenità oppure inizieranno a cannibalizzare tutto quello che li circonda, con ogni mezzo necessario? Forse sarà una guerra tra poveri. Io auspico che inizino a sparare nel culo di chi li chiama “bamboccioni”, tanto per cominciare. Comunque, una grande fetta di coloro che sono nati dopo il 1975 non ha una cultura adatta ad agire in modo concertato, democratico, come forza sociale. Dopotutto, in uno stato neoliberista “la società non esiste“, no? Quel che resta è una versione atomizzata della mafia. Made in Italy si occupa di questo genere di problemi. E’ cinico, crudo e schietto, perché, al di fuori di ogni ipocrisia, questa è la lingua che parlano sia i salotti borghesi che il marciapiede. Non so se reputarlo un marchio di fabbrica, anche se è sicuro che io e Francesco parliamo come mangiamo: male e di fretta.

Tanto che a un certo punto uno dei vostri personaggi afferma: “Resta da capire che differenza c’è tra questa classe dirigente e la mafia“. Qual’è la vostra risposta a questa domanda?
MS
: La risposta breve è una risata tonante e sinistra. Quella lunga è legata alla cosiddetta “questione morale“. Dubito che la classe dirigente italiana sia più o meno “malvagia” di quella francese o svedese. Quando Berlinguer rilasciò la famosa intervista in cui coniò il termine, specificò che la questione morale aveva ben poco di morale in senso stretto e molto di sistemico. Parlò di come i partiti si erano mangiati la società. Questo fa parte di un problema strutturale dei nostri partiti e, più in generale, della nostra amministrazione del potere. E’ irrilevante che il senatore X rubi a manbassa oppure il deputato Y scotenni le vecchiette per intrattenersi. Della moralità possono parlare i preti. A noi interessano gli equilibri ed i meccanismi sociali che hanno prodotto il mondo che ci circonda. In Made in Italy, in un mondo in cui il potere e la violenza sono la stessa cosa, ogni differenza sostanziale tra criminalità organizzata e classe dirigente è inconcepibile. I lettori potranno usare la loro testa per stabilire se viviamo o no in quel mondo.

Nel fumetto c’è un personaggio chiamato “il comunista” e ci sono vari riferimenti al Chè e alla Banda della Magliana. C’è indiscutibilmente un messaggio “giovanile” diretto alla politica; siete convinti che essa di questi di tempi stia raschiando un po’ il fondo, come se fosse e fossimo ormai ai ferri corti?
MS
: Il fumetto è condito soprattutto da riferimenti alla storia d’Italia, soprattutto quella delinquenziale. E’ impossibile capire gli eventi occorsi nel nostro paese dal 1860 in poi se non se ne considera il lato criminale. All’interno di Made in Italy i richiami agli eventi del passato servono a plasmare lo sviluppo dei personaggi e a fornire un legame di causa-effetto tra l’ambientazione e le decisioni dei protagonisti. Da questo punto di vista, quelli di questo fumetto sono personaggi senza psicologia. Tutte le loro scelte sono frutto del contesto allargato in cui vivono: le dinamiche interiori non hanno alcuna importanza. I quattro protagonisti non arrivano a stabilire che “il futuro è cosa nostra” per via della loro storia personale, ma per via della nostra storia collettiva.
Un esempio di questo è appunto il soprannome del “Comunista”. In Made in Italy questa parola non ha alcun legame con la tradizione di sinistra, Marx, Berlinguer o i soviet. Oggi, la parola “Comunista” è stata ri-semantizzata dalla propaganda. Per la stragrande maggioranza della popolazione è poco più che un insulto generico. Il personaggio con quel nome si comporta in aderenza al nuovo significato della parola, ed infatti farebbe orrore a chiunque sia comunista per davvero. Comunque, come dicevo sopra, Made in Italy è un fumetto che parla di giovani, ma non necessariamente parla ai giovani. Non c’è nessun aspetto moralistico e nessun messaggio. Vorrebbe essere uno specchio in cui riflettersi o, all’occorrenza, su cui svolgere riti per divinare il futuro.

Il disegno, la scelta del contrasto tra colori forti nelle vignette in bianco e nero, sembrano ricercare uno stile “a la Sin City”… visto anche il richiamo fatto alla città del peccato di Frank Miller in una vignetta, è una scelta voluta o una semplice casualità?!Francesco Acquaviva: No, non è per niente una casualità! Frank Miller è uno degli autori che maggiormente mi ha influenzato da ragazzino, sia in veste di scrittore che di disegnatore. Volumi come Daredevil: Born Again, Sin City, 300 e The Man Without Fear sono dei capolavori assoluti, che mostrano una ricerca continua di sintesi e sperimentazione grafica e narrativa. Ma come nelle sue opere è evidente l’influsso degli artisti che l’hanno influenzato, così mi sono sentito libero di dare sfogo alla mia vena creativa, cercando di non pensare ai limiti che generalmente il fumetto impone (vignette,colorazione etc.) ma di andare a ruota libera, senza paura di sperimentare. In fondo credo sia questo l’insegnamento più grande che artisti come Miller ci abbiano lasciato.

Inserire nell’impaginazione in secondo piano, quasi come sfondo di alcune tavole, le banconote e la pistola, ha un significato particolare? E la scelta di ripartire alcune vignette in modo molto particolare che ritmica dà alla graphic novel?
FA
: Ho sempre adorato autori del calibro di Bill Sienkiewicz, Dave McKean, David Mack, autori che hanno un pregio, sanno stupire. Ogni volta che acquistavo un loro albo passavo mesi a gustarmelo, per assaporare ogni minimo particolare, ogni scelta stilistica… era impossibile sapere quale stile Sienkiewicz avrebbe adottato per la pagina successiva, come avrebbe sviluppato la scena. Capolavori come Stray Toasters, Elektra:Assassin, Voodoo Child, Arkham Asylum e Kabuki sono dei pacchi sorpresa, dei regali per la nostra sfera emotiva, che viene sollazzata ad ogni svolta di pagina. Non dico che questo SIA il fumetto, dico che ANCHE questo lo è. Provo grandissima ammirazione per lo stile Bonelli, ma più lavoravo a Made in Italy e più mi accorgevo che quello che volevo davvero raccontare non era la storia in sé, ma le emozioni che questa mi suscitava. E allora non aveva più senso dover per forza attenersi a delle regole prestabilite. Escamotage come le banconote, la pistola o le vignette articolate mi servono proprio per questo, per cercare di arricchire il carico sensoriale del lettore, usandoli un po’ come la musica nel cinema.

La storia nella fase clou sembra prendere una velocità improvvisa, quasi come se non ci fosse tempo di passare dalle parole ai fatti, come se i protagonisti della storia volessero chiudere velocemente il “piano”. Perché questa scelta?!
MS
: Made in Italy è la storia del sequestro di un personaggio definito “infame”. Per enfatizzare l’aspetto sociale della storia, abbiamo deciso di rovesciare la prospettiva narrativa più scontata e raccontare ampiamente del terreno di coltura di quel sequestro, risolvendo l’evento vero e proprio nel minor tempo possibile. Come se fosse una conseguenza naturale, senza alcun valore drammatico. Inoltre, abbiamo preferito evitare che la vittima acquisisse uno spessore umano. Quasi non ha battute ed il suo volto si vede di sfuggita solo una volta. Non sappiamo nulla di lui, se non quello che ci dice uno dei protagonisti (che noi sappiamo essere ben poco affidabile). Alla fine del fumetto, è il lettore a dover caricare di significato la vittima e stabilire chi è, perché è stato sequestrato, se lo meritava o no. Noi abbiamo deciso di sospendere il giudizio.


Questa graphic novel mostra un futuro alquanto pieno di incertezze per i giovani, credete che il fumetto come mezzo di informazione possa dare un contributo, una scossa alle nuove generazioni per non accettare passivamente questa realtà?
MS: Noi non scuotiamo le nuove o le vecchie generazioni.
Sono loro a scuotere noi.
Fumetti come Made in Italy sono il prodotto, e non la causa, di questi brividi e smottamenti tettonici, siano essi di origine sociale o psicologica. Non dobbiamo mai scordare che il mezzo d’informazione principale non sono i giornali, i saggi o i fumetti. Siamo noi stessi. Faccio un esempio: un paio di settimane fa, ero alla stazione in attesa di un treno. Mi si avvicinò un nero, evidentemente strafatatto, e mi chiese se poteva usare il mio cellulare per una chiamata. Gli dissi che non avevo credito. Era una menzogna, ma tutti i circuiti di razzismo e paura nella mia mente si erano attivati. Il nero si allontanò da me ed iniziò ad importunare persone a caso. Barcollava, era ubriaco. Una cicatrice gli tagliava in due il volto. Attorno a lui si creò il vuoto. Alcune signore ben vestite sibilarono dei commenti taglienti e se la svignarono, schifate. Dopo aver assistito alla scena per qualche minuto, e anche perché sono un dannato fesso, mi avvicinai al nero ed iniziai a chiacchierare del più e del meno con lui, visto che nessun altro era intenzionato a farlo. Aveva un nome impronunciabile, proveniva dalla Somalia. Mi disse che la cicatrice risaliva a quando era un ragazzino: un soldato gli sparò in faccia ed in pancia. Accadde durante la guerra civile, in cui l’ONU infilò una zampa per buttare giù il governo islamico. L’ONU siamo noi, per inciso. Il somalo era rimasto visibilmente traumatizzato dall’esperienza. Lavorava da un anno in una piccola fabbrica in Inghilterra, per pochi soldi, con un mucchio di ore di lavoro e ben poche soddisfazioni. Diceva di essere stufo di fare l’immigrato. Il giorno successivo sarebbe tornato in patria, dai suoi amici e la sua famiglia. Anche io sono un immigrato, proprio da un anno. Anche io sono stanco di quella vita. Ed anche io sto tornando in patria. Scambiando storie con il somalo, mi sono reso conto di quanti pensieri e sensazioni profonde avessimo in comune. Perché questo è quel che fanno gli esseri umani. Ed è quello che io e Francesco facciamo con i lettori.

21
Lug
2011

Nyx – Reading al Caffé Savoia (19/07/11)


Ecco l’audio del mio reading al Caffé Savoia del 19/07/11. Clara Murtas ha letto brani dal racconto Notte dell’Avvenire, pubblicato nell’antologia NYX (Arkadia Editore), mentre io ho offerto una panoramica sulla storia dell’astronautica e delle sue peregrinazioni tra pratica ed immaginario.

La registrazione è stata compiuta con mezzi di fortuna in mezzo ad un pandemonio. Ho fatto il possibile per migliorare la qualità dell’audio con filtri e maneggi vari. Purtroppo ho dovuto segare le letture di Clara (che intermezzavano i miei interventi, o viceversa) e l’introduzione di uno degli organizzatori della serata, Simone Olla del gruppo Opifìce, perché la lontananza dal microfono pregiudicava la comprensione dei loro interventi.

Questo è l’indice:

0:00 – Introduzione a NYX / informazioni generali sull’antologia / genesi di Notte dell’Avvenire
3:56 – Primo cosmonauta dell’occidente: CAINO / 1500: Odissea cinese nello spazio / Cyrano de Bergerac (quasi) conquista la Luna / Nikolai Kibalchich: progettista e bombarolo / Robert Goddard: da superstar dei razzi ad esule a Roswell
13:40 – Sconfortante panorama dell’inizio del XX secolo / I club del volo interstellare / I razzi entrano nella scena della Scienza Dura
17:41 – Amazing Stories porta l’uomo sulla Luna / Jack Parsons, scienziato e stregone / La parabola di Wernher Von Braun: da nerd appassionato di fantascienza a criminale di guerra nazista a direttore del programma spaziale USA / 12 aprile 1961, sulla Pravda: IL MONDO INTERO APPLAUDE IL COMPAGNO YURI GAGARIN.
18
Lug
2011

Non il solito Hip Hop

 (Un immagine dal videoclip Alba Tragica degli Anni di Fango, creato da Shibuya)

 Questo articolo è stato pubblicato il 15/07/11 su Sardegna 24


Rispetto ai suoi primi focolai, esplosi tra gli anni ’80 e ’90, l’Hip Hop in Sardegna ha percorso un lungo cammino che ne ha stravolto la fisionomia. Il decennio appena trascorso ha visto franare le pareti che separavano l’Hip Hop italiano e sardo dal resto del mercato musicale. Perse le sue connotazioni di sottocultura (e, con essa, una certa xenofobia rispetto agli “altri generi” ), si è rarefatto ed espanso fino a diventare un linguaggio il cui impatto ha segnato ogni tipologia musicale. Un esempio chiaro di ciò è la “rappata” che ha fatto vincere il festival di San Remo a Simone Cristicchi nel 2007. L’Hip Hop è, ormai, letteralmente e metaforicamente, uscito dal “ghetto”, anche se il processo che l’ha portato a questo risultato è denso di luci ed ombre. Alessio Lilliu, organizzatore di concerti e tra i massimi esperti dell’Hip Hop in Sardegna, fotografa così la scena attuale: “Ormai non esiste più una differenziazione territoriale nell’Hip Hop. Negli anni ’90, ogni regione aveva un suo suono e una sua ‘anima’ musicale ben definita. Si pensi all’influenza reggae e soul della Puglia o al brillante Hip Hop in sardo della nostra isola. Così, sia stile che contenuti della maggior parte degli artisti emergenti si sono appiattiti sul modello ‘milanese’ dei Club Dogo.”
“Questo stile, per come viene interpretato dalla gran parte degli artisti emergenti, è stucchevole.” commenta Michele De Murtas, in arte Morìs, del duo Anni di Fango “Si tende ad elogiare le virtù del ‘gangsta’, svuotandole dei suoi contenuti sociali. Questo approccio, nato per denunciare il razzismo e le condizioni degradate delle metropoli statunitensi, ormai propone soltanto una filosofia di vita vicina agli stereotipi berlusconiani: donne oggetto, ossessione del lucro e del potere senza freni.”
Sebbene abbia contribuito a conquistare nuove fette di pubblico, questo nuovo corso ha anche reciso il legame diretto tra il pubblico e gli artisti, interponendo l’ingombrante presenza delle grandi case discografiche. L’Hip Hop è più “popolare” di prima, ma, in realtà, “popolare” è l’artista supportato da una major. “E’ paradossale” spiega Lilliu “Rapper come i Menhir, attivi dal 2000, non vendono più i loro dischi ai ragazzini che ascoltano Hip Hop, ma hanno un pubblico completamente diverso. Sebbene sia un fenomeno ciclico nell’Hip Hop sardo, stiamo vivendo una sorta di ‘carestia’ artistica, in cui sia la domanda che l’offerta di prodotti originali sono in costante diminuzione”.
E’, comunque, da tenere in considerazione che, come il Punk, l’Hip Hop sia un genere “democratico”, aperto a chiunque. “E’ sufficiente avere un computer, un programma adatto ed una scheda audio da 300 euro” dice Lilliu “ per poter produrre musica a livelli professionali, con una qualità superiore a quella che nel ’95 ti poteva fornire uno studio”. Aggiunge Morìs: “Una volta, Truffaut disse che la generazione della nouvelle vague aveva deciso di fare cinema dopo aver visto Quarto Potere. La nostra ha deciso di fare rap dopo aver sentito SxM dei Sangue Misto. Questo è un punto di vista imprescindibile.”
Quindi, anche in Sardegna, è in atto una mutazione ambigua e difficilmente categorizzabile in maniera chiara. I muri che delimitavano (ed isolavano) una comunità (o una setta), sono crollati ed ora questa naviga nel più ampio mare del mercato musicale e delle sue dinamiche. “Proprio per questo nuovo conformismo, il nostro gruppo ” dice Niccolò Falchi, in arte Neke, degli Anni di Fango “si sente più prossimo alla scena Rock che non a quella Hip Hop, sia a un livello stilistico quanto umano. Abbiamo un approccio più curioso nei confronti di tematiche e di sonorità alternative. Molti altri artisti, come Salmo e Assalti Frontali, per fare un esempio regionale ed uno nazionale, procedono nella nostra direzione. Frequentiamo quasi un genere distinto rispetto all’Hip Hop”. Commenta Morìs: “Siamo convinti che l’Hip Hop sia, a livello formale, il genere maggiormente adatto a commentare l’Italia dei nostri giorni, proprio per la trasversalità del pubblico. Inoltre, la sua struttura permette di descrivere e commentare la società in maniera più precisa ed articolata di altre tipologie musicali.”
Autori di testi sferzanti nei confronti della corruzione diffusa e della criminalità delle classi dirigenti, gli Anni di Fango sono convinti che il groove, fondamento musicale mutuato, da parte dell’Hip Hop, dal Funk, sia meglio espresso dalla musica elettronica oggigiorno. Infatti, la sua capacità di coinvolgere le emozioni, di stimolare i sensi e di portare al ballo deve essere usata per scuotere la società, oltre che il corpo. Per cui, nonostante i sommovimenti dell’Hip Hip isolano, è sempre piacevole sapere che c’è chi continuerà a procedere in direzione ostinata e contraria.
18
Lug
2011

Divini Disegni

 (Un illustrazione di Angelo Monne, dal suo sito)

Questo articolo è stato pubblicato su Sardegna 24 il 13/07/11, con il titolo “Divini Disegni”


Dopo circa 700 anni dalla sua composizione, la Divina Commedia continua a mutare ed evolversi nelle forme più disparate, seguendo il ritmo frenetico dello sviluppo culturale italiano come una compagna di viaggio (o, a volte, una lunga ombra). Negli ultimi anni l’abbiamo vista sgorgare dalle labbra di comici come Benigni, da quelle di lettori eruditi come Sermonti, oppure immortalata in svariate trasposizioni a fumetti (spesso irriverenti, com’è giusto che sia). E’ un testo che non ha mai cessato di dialogare con la nostra cultura e continua a resistere, al contrario di molti altri classici della letteratura italiana, al definitivo accantonamento nel nostro attico culturale collettivo, in cui può giacere per sempre, colma di onori e di polvere. Al contrario, la Commedia è tra noi. Uno degli ultimi artisti ad essersi misurato con essa è Angelo Monne, un illustratore e grafico di Dorgali che, con la sua arte, ha dimostrato di essere una delle punte di diamante dell’illustrazione isolana. Nonostante il suo pur pregevole curriculum, tra cui una pluriennale collaborazione con la rivista Internazionale, affrontare i versi di Dante è un’impresa da peso massimo per qualunque artista. Contattato dalla casa editrice Zanichelli per partecipare alla realizzazione di una Divina Commedia multimediale, ha contribuito al progetto con l’impressionante cifra di 320 illustrazioni, che commentano le 988 pagine del volume. Questa nuova versione dell’opera dantesca, destinata ai licei, è accompagnata da un audiolibro recitato dall’attore Ivano Marescotti e da un ricchissimo DVD in cui le parole del poeta possono amalgamarsi ed essere amplificate da strumenti didattici all’avanguardia. Il volume è stato presentato in anteprima nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze, a marzo, in una performance pubblica in cui i curatori, Riccardo Bruscagli e Gloria Giudizi, hanno potuto illustrarne le caratteristiche insieme agli artisti che hanno collaborato alla sua realizzazione. Sia in questa che in successive presentazioni dell’opera, Angelo Monne ha avuto la curiosa opportunità di poter disegnare “dal vivo” i versi di Dante recitati da Marescotti, fornendo uno spettacolo audiovisivo inusuale per un reading del Sommo Poeta. Proprio per questo approccio innovativo alla materia, la nuova Commedia ha riscosso un notevole successo nelle scuole e verrà riproposta alla fine del 2011 in un cofanetto, distribuito nelle librerie per il grande pubblico.
Per illustrare un volume così denso e complesso, Angelo Monne ha lavorato per un anno e tre mesi, ponendosi gli stessi interrogativi che hanno afflitto legioni di artisti prima di lui, tra i quali gli inarrivabili Doré e Dalì. Ed è sicuro che una così pesante eredità ha complicato non poco il suo lavoro. “Per certi versi è stata un ostacolo. Ho compiuto estese ricerche sulla storia della rappresentazione della Commedia” conferma l’artista “ma ho presto capito che avrei dovuto fare tabula rasa di questo bagaglio. Il volume è destinato ad un pubblico di ragazzi, per cui ho dovuto reinventarmi da zero uno stile appropriato. Ho deciso di stare addosso al testo il più possibile: in un certo senso, ho cercato di ‘fumettare’ la storia”. Questo approccio ha incontrato il favore dei curatori del volume i quali, man mano che la serie di tavole prendeva forma, hanno avuto un ruolo più attivo nell’ideazione delle stesse, dibattendo con l’artista delle possibilità e delle forme narrative più adatte.
“Questo contatto continuo mi ha dato molta soddisfazione, perché mi ha permesso in alcuni casi di aggiustare il tiro riguardo a certi nodi complessi della storia.” dice Monne “In particolare, ho un debito di riconoscenza nei confronti di Simona Bertoli, la grafica che ha impaginato il libro. Mi ha aiutato a gestire al meglio l’economia della pagina con i suoi preziosi suggerimenti. Spesso il lettore non considera il lato puramente editoriale e ‘artigianale’ di un operazione di questo tipo. Le tavole sono tutte realizzate con i pennelli e gli inchiostri della tradizione calligrafica cinese, una mia antica passione”.
Disegnate con uno stile raffinato, essenziale, che allude nel contempo all’antica scrittura orientale e a soluzioni grafiche dell’era digitale, le illustrazioni della nuova Divina Commedia edita da Zanichelli, ci ricordano che l’arte può essere eterna, o può darne l’illusione. Ed è per questo che si coniuga alla perfezione con i versi di Dante. Perché, come scriveva un altro grande, Shakespeare: “finché gli uomini avranno un respiro o occhi per vedere, questi versi vivranno e ti daranno vita”.
22
Mag
2011

Made in Italy – L’Infame su iPad

(Made in Italy – L’Infame per iPad, edito da MeLeto Software)
Dopo aver debuttato nella sua prima edizione per la Hybris Comics, Made In Italy – L’Infame è stato aggiornato, lucidato, ri-letterato e dotato di una nuova veste digitale. Grazie alla MeLeto Software, è divenuto una graphic novel per iPad, disponibile sulla sezione Libri dell’App Store. Questo è solo il primo passo di un percorso che gli autori hanno deciso di compiere insieme alla MeLeto: entro la fine dell’anno, tutte le loro graphic novel (Backstage, Freak III e l’imminente Bubble Shock) saranno disponibili per l’iPad.
Questa graphic novel ha per protagonisti quattro ragazzi di borgata. Semplice feccia, che per caso o per destino viene in possesso di una pistola e subito matura una manciata di idee su come utilizzarla. I loro santi sono mafiosi, corrotti, criminali, papponi. Il loro obiettivo è scrivere la storia, specie la propria. Riuniti per decidere del futuro, i quattro ragazzi scelgono di uscire da una società che per loro non ha alcun significato e di entrare in un nuovo mondo, al di là dei confini della legge. La loro nuova iniziazione è un vecchio gioco. Tre parole: sequestro di persona.
Scritto da Massimo Spiga e disegnato da Francesco Acquaviva, Made In Italy: L’Infame è volgare, cinico, intollerante: un racconto sporco, ambientato in un mondo in cui nessuno è innocente e la civiltà è uno scherzo sarcastico. Se volete immergervi anche voi nel loro mondo, la graphic novel è in offerta a 0,79€ su App Store. 
Clicca sull’immagine che segue per visualizzare la pagina di iTunes di Made In Italy.
Guarda il Booktrailer
Made in Italy – L’Infame
Scritto da Massimo Spiga
Disegnato da Francesco Acquaviva
Editore MeLeto Software
50 pagine a colori
0,79€

Ecco l’anteprima:


Sezioni

Archivi

Ultime Letture

Dalia Nera
In strange aeons - Lovecraftian Numenera
Pocket Guide to American Freeform
Dead Pig Collector
Centralino Celeste
The Paradox Room
The Last Pull
Hyperspace: A Scientific Odyssey through Parallel Universes, Time Warps, and the Tenth Dimension


Massimo Spiga's book recommendations, liked quotes, book clubs, book trivia, book lists (read shelf)

Appunti Visuali