17
Mar
2015

LOVECRAFT ZERO su Squadernauti

Il blog letterario Squadernauti ha recensito LOVECRAFT ZERO. Ecco un estratto.

Ciò che colpisce dei nove racconti è senza dubbio la creazione di mondi indicibili in cui l’essere umano è sempre piccolo e impotente, la sua conoscenza delle cose insufficiente e limitata davanti a paesaggi vasti e scenari sconvolgenti. In altri termini, l’uomo è in grado di conoscere solo quanto è legato al suo corpo e alle percezioni di questo; l’immenso, l’indistinto e l’informe, anche quando non propriamente orribile e orrido, lo sovrastano con visioni e angosce, mediante la paura dell’Altro.


Per leggere il testo completo, vai qui.