25
Set
2013

Lovecraft Zero #7 – Il Tempio

È uscito per Edizioni di Karta il settimo eBook della serie LOVECRAFT ZERO. Il Tempio è sempre stato, tra i racconti del Solitario di Providence, uno tra i miei preferiti. Prima di tutto per la sua struttura drammaturgica, così simile ad un moderno film d’orrore, tecnologia ed isolamento (Alien è il primo che balza in mente, ma anche Event Horizon, Sunshine e via dicendo). È una trama stranamente evoluta per la scrittura di HPL in quel periodo, focalizzato com’era su una griglia narrativa ricalcata su Poe ed i topoi romantici. Il Tempio è uno dei primi grandi tradimenti dei suoi padri letterari. 
Inoltre, questo racconto presenta un rarissimo caso di satira da parte di HPL: il suo protagonista, Karl Heinrich Graf von Altberg-Ehrenstein, capitano di corvetta della Imperiale Marina Germanica e comandante del sottomarino, è una chiara presa per il culo del nazionalismo tedesco e della mentalità militarista ed autoritaria che in seguito farà sprofondare nel sangue il Terzo Reich. I suoi tratti caricaturali, comunque, non tradiscono l’atmosfera generale del racconto, ed anzi la rinforzano: l’ostentata inumanità del protagonista ben si coniuga con le usuali tematiche anti-umane, o di “indifferentismo cosmico” (come le etichettava lo stesso HPL), intrinseche alla visione del mondo dell’autore.
Il terzo motivo del mio smodato apprezzamento per il Tempio, oltre alle grandi atmosfere, è quello d’aver fatto entrare nella cultura umana il concetto di delfino zombie. Non c’è bisogno di aggiungere altro.