Category

Rassegna Stampa

26
Dic
2016

Due prospettive su PARADOX

Cronache Bizantine ha recensito PARADOX, con un’agile analisi su personaggi, rimandi letterari e cinematografici, note comparative tra il libro e DOMANI e molto altro. Ecco un estratto: Sia Domani verso la fine, che la raccolta Armi Narrative Sperimentali, che Paradox hanno inoltre in comune una mescolanza molto peculiare di Burroughs e Lovecraft: l’esagerazione grammaticale e sintattica del primo viene ripreso coniugato alla visione “cosmica” del secondo, producendo un effetto di “estraniamento” molto potente. Di solito la visione cosmicista di Lovecraft viene o edulcorata, o trasposta in chiave horror (tentacoli, sangue, gore, ecc ecc). Con Paradox, invece, gli dei cthuliani – gli Dei Schiavi, come vengono qui...
Read More
14
Feb
2016

Intervista per Cagliari Art Magazine

Cagliari Art Magazine mi ha intervistato. Ecco qui in estratto del testo. I tuoi racconti evocano spesso immagini crude e profondamente inquietanti, quali autori ti hanno influenzato maggiormente? È sempre pericoloso chiedere a un autore quali siano le sue fonti, perché spesso la risposta è: «Ti consiglio di leggere questi! [segue lista di 400 nomi]». Per misericordia verso le tue pupille, citerò soltanto Warren Ellis, Robert Anton Wilson, James Ellroy e William Burroughs. Li considero un tesoro stilistico da saccheggiare senza pietà, pudore o dignità. Per quanto riguarda l’inquadramento filosofico dei miei libri, credo che le influenze più importanti siano...
Read More
20
Giu
2015

Segnalazione di Domani su The Plutonia Experiment

Ancora fottuti zombie, per il nostro ludibrio. Ecco un estratto da The Plutonia Experiment: L’autore deve aver pensato/cercato, come ho fatto io col mio Zona Z, di svecchiare un poco la tematica zombesca. Con questo romanzo, che mischia elementi classici, soprannaturale e cospirazioni vagamente ispirate a Resident Evil, ci riesce in parte. Di sicuro non ci si annoia, il che a me è bastato. Qui la recensione completa. [Aggiornamento 22/06/15] Dato che molti lettori hanno sottolineato l’affinità di Domani con i vari Resident Evil, vorrei aggiungere un chiarimento non richiesto e non particolarmente interessante, se non per i feticisti della...
Read More
17
Mar
2015

LOVECRAFT ZERO su Squadernauti

Il blog letterario Squadernauti ha recensito LOVECRAFT ZERO. Ecco un estratto. Ciò che colpisce dei nove racconti è senza dubbio la creazione di mondi indicibili in cui l’essere umano è sempre piccolo e impotente, la sua conoscenza delle cose insufficiente e limitata davanti a paesaggi vasti e scenari sconvolgenti. In altri termini, l’uomo è in grado di conoscere solo quanto è legato al suo corpo e alle percezioni di questo; l’immenso, l’indistinto e l’informe, anche quando non propriamente orribile e orrido, lo sovrastano con visioni e angosce, mediante la paura dell’Altro. Per leggere il testo completo, vai qui.
17
Feb
2015

Recensione di “Domani – Cronaca del Contagio” di Andrea Atzori

Ecco un estratto della recensione che Andrea Atzori ha scritto su Domani – Cronaca del Contagio, per la rubrica Fantasy e Vin Brulé del sito SulRomanzo.it. Seguendo la discesa negli abissi del suo protagonista, Domani traccia un’iperbole ai limiti del religioso, un’invocazione a Dio – qualsiasi cosa esso sia – non bigotta, ma frutto della religiosità “nerd” di una contemporaneità dal cervello liquefatto che, proprio perché interconnessa in tempo reale con le infinite possibilità dell’esistenza, si spinge sino a un punto in cui non può che riconoscere l’umiltà intrinseca della condizione umana nella sua limitatezza, in un epitaffio degno del...
Read More
23
Gen
2015

Affari Italiani parla di Codici Nomadi Vol. 1

(nella foto, Erik Davis) Ferdinando Buscema, prestigiatore e Magic Experience Designer, nonché appassionato studioso di weird in ogni sua forma, recensisce Codici Nomadi – Vol.1 di Erik Davis, amorevolmente tradotto dal Vostro Carissimo. Ecco un estratto dal bellissimo pezzo: E’ cosa nota e acquisita – ormai un clichè – che la frenetica e smisurata produzione dell’informazione rende il panorama culturale sempre più complesso, frammentato, caotico, un dedalo labirintico di incerta navigazione, in cui è facile ritrovarsi disorientati, col rischio di disintegrare la propria identità. Secondo il noto scrittore e fumettista Alan Moore, è come se la nostra società stesse raggiungendo un...
Read More
4
Nov
2014

Terza parte dello special PQEditor

Terza ed ultima parte dello special di PQEditor, condotto da Ivan Garofalo. Ecco un estratto: CI PARLI DELLA SUA FORMAZIONE La formazione di uno scrittore consiste in un mucchio straordinariamente alto di libri, specialmente se toccano argomenti e sensibilità eterogenee. Trovo sempre buffo e triste quando uno scrittore mi dice: «Ah, io non leggo molto» oppure, ancora peggio, «Non ho tempo per leggere». Certo che ce l’hai. Smetti di dormire. È meno importante. Non ho mai fatto grandi distinzioni tra letteratura “alta” e “bassa”: ho scritto il mio primo romanzo (incompiuto) a 14 anni, centottantatre pagine di fantasy basato su Così...
Read More
31
Ott
2014

Intervista di PQEditor su LOVECRAFT ZERO

Seconda parte dello special sulle mie opere di PQEditor. Un’intervista su LOVECRAFT ZERO. Ecco un estratto: COME E’ STATO LAVORARE SU DEL MATERIALE INDITO PER L’ITALIA Massimo Spiga: Negli scorsi decenni, tutti i racconti di Lovecraft sono stati tradotti in italiano, così come i suoi saggi ed i suoi taccuini. Ciò che rimane ancora inedito sono i suoi articoli, i diari di viaggio e le sue lettere, pubblicati in una decina di mega-tomi dalla statunitense Hippocampus Press. È molto semplice capire perché tutto ciò rimarrà inedito in Italia: le lettere, ad esempio, sono diciottomila. Alcune sono lunghe più di cinquanta pagine....
Read More
29
Ott
2014

Intervista di PQEditor su DOMANI

Ecco un estratto dell’intervista condotta da Ivano Garofalo per PQEditor. LE PRINCIPALI DIFFICOLTA’ NELLO SVILUPPARE QUESTA TRAMA Non è stato affatto difficile. È stato divertente. In altre occasioni, ho lavorato a romanzi storici oppure opere sperimentali: la mole di lavoro necessaria è traumatizzante. Al contrario, scrivere Domani è stato stranamente leggiadro. Pianificare i colpi di scena e trovare usi creativi per le smerigliatrici fa parte del gioco. Domani è un horror d’azione abbastanza classico, modellato su canoni cinematografici: una conseguenza di ciò è il piacere sadico che si prova nel tradire le aspettative del lettore, plasmate anch’esse sulle stesse fonti. All’interno di Domani ci sono tutte...
Read More